salta la barra Anna Informadonna  Sessualità e salute  Interruzione di gravidanza
 indietro
Sessualità e salute

Interruzione di gravidanza

Che cos'č

Breve descrizione

La legge italiana prevede la possibilità di interrompere la gravidanza, volontariamente, entro 90 giorni dall'inizio dell'ultima mestruazione.

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalitą di presentazione della domanda

La donna che vuole interrompere la gravidanza deve innanzitutto farsi rilasciare una certificazione che attesti la volontà di interrompere la gravidanza (in base alla Legge 194/1978).
Questa certificazione può essere rilasciata dal medico di base oppure può essere richiesta presso un Consultorio ostetrico-ginecologico (presso le Articolazioni Territoriali), portando con sé un documento che dimostri la gravidanza (il test di gravidanza effettuato in laboratorio o una certificazione medica o un'ecografia).
E’ possibile che alcuni medici, o di base o presenti nelle Articolazioni Territoriali, siano obiettori di coscienza e quindi non disposti a rilasciare il certificato per l'interruzione.

Dopo aver ottenuto il certificato per l'interruzione, la donna può recarsi a Villa Fiorita portando con sé:
- certificato per l'interruzione;
- documento di identità;
- libretto sanitario o STP (Straniero Temporaneamente Presente);
- codice fiscale.

RAGAZZE MINORENNI
Le ragazze minorenni devono avere il consenso di entrambi i genitori. Nel caso in cui non si vuole che i genitori siano avvertiti è necessario recarsi presso le Articolazioni Territoriali, dove vengono attivati i servizi sociali.

Note

Segnalazioni e precisazioni

Le donne straniere hanno la possibilità di ricorrere alla interruzione di gravidanza, a parità di condizione con le donne italiane. E’ consigliata la presenza di un’interprete di fiducia se non si parla la lingua italiana.

L'utilizzo da parte di una persona straniera senza permesso di soggiorno di tutti i servizi sanitari non comporta nessuna segnalazione da parte degli operatori sanitari alla Polizia giudiziaria, salvo i casi in cui sia obbligatorio il referto, a parità di condizioni con i cittadini e le cittadine italiane.

Sede e orario del servizio

Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 05.11.2013

Per approfondimenti...

 Link utili  Normativa
 indietro  inizio pagina

copyright © 2006